spinner

Il Circolo Veneto

Chiamaci ora +39 366 5485532

 “Scuola e Costituzione: la formazione dei cittadini”: nuovo incontro formativo, promosso dal Circolo Veneto, il prossimo venerdì 6 maggio 2011 alle ore 20.00 presso il Novotel di Mestre (via Ceccherini 21, uscita Castellana dalla tangenziale di Mestre). L’on.  Giovanni Castellani, il sen. Giuliano Zoso e il prof. Stefano Zecchi parleranno di educazione, istruzione e università in relazione ai principi della Carta Costituzionale italiana, approfondendo i complessi rapporti tra istruzione-formazione della persona, scuola-mercato del lavoro, scuola-impegno economico dello Stato. Introdurrà l’on. Cesare Campa, Presidente de Il Circolo Veneto.  

Cari amici, a conclusione della Scuola di Formazione Politica il Circolo Veneto, come consuetudine, organizza uno stage formativo: quest’anno, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia si visiterà la città di Torino, che fu sede del primo parlamento italiano. Inoltre si visiterà il Consiglio Regionale del Piemonte, incontrando il Presidente del Consiglio Regionale e i capigruppo. In allegato trovate un programma indicativo dei luoghi oggetto della nostra visita, con l’indicazione di un preventivo di massima, riservato a coloro che frequentano la Scuola di Formazione. Per motivi organizzativi, e per poter estendere il programma a tutti gli amici de Il Circolo Veneto, chiediamo di

Molto si parla, in questo periodo, di Giustizia, di magistratura e di sentenze. Ma quale rapporto intercorre tra la Giustizia e i Diritti della persona? Questo interrogativo è stato oggetto di approfondimento in un incontro al Circolo Veneto di Mestre lo scorso venerdì 15 aprile, che ha visto come relatori l’on. Manlio Contento (avvocato e componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati) e il prof. Andrea Pin (ricercatore di Diritto Costituzionale e Docente di Diritto Pubblico Comparato all’Università degli Studi di Padova). Quando si parla di Giustizia, si parla di Diritti: i diritti della persona sono riconosciuti, nel loro nucleo fondamentale, dall’art. 2 della Costituzione (diritti civili, sociali, politici). Il prof. Pin, tracciando una storia evolutiva dei diritti della persona, ha fatto emergere un fatto preoccupante: questi ultimi decenni, infatti, hanno visto in Italia la moltiplicazione di diritti individuali, affermati non da leggi dello Stato, bensì da sentenze giudiziarie (in materia di fine-vita, legami affettivi, bioetica);

Venerdì 8 aprile 2011 si è riunita presso il Novotel di Mestre l’assemblea ordinaria dei soci de Il Circolo Veneto. L’incontro è stato l’occasione per fare il punto delle attività svoltesi nel 2010 e per approvare il consuntivo economico dell’associazione. All’interno dell’assemblea ha trovato spazio la premiazione, con il corno dogale d’argento, per il socio benemerito dell’anno 2010: a motivo dell’attività di fotografo svolta con passione e impegno per il Circolo Veneto è stato premiato l’amico Enzo Margagliotti. Ospite della serata è stato il veneziano Sandro Brandolisio – giornalista e scrittore, esperto di enogastronomia, autore di documentari – che ha presentato il suo libro “Quando a Venezia non c’erano i fast-food: ghe gera i bàcari” ed ha aperto un vivace dibattito sul recupero e la valorizzazione delle tradizioni veneziane.

Venerdì 15 aprile al Circolo Veneto l’on. Manlio Contento (avvocato e componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati) e il prof. Andrea Pin (ricercatore di Diritto Costituzionale e Docente di Diritto Pubblico Comparato, Università degli Studi di Padova) dibatteranno sul tema “La Persona e la Giustizia”: si parlerà dei diritti della persona, della loro evoluzione storica, delle libertà civili, politiche e sociali garantite dalla Costituzione italiana. L’appuntamento è alle ore 20.00, presso il Novotel di Mestre (via Ceccherini 21, uscita Castellana dalla tangenziale di Mestre). Introdurrà l’argomento l’on. Cesare Campa, presidente de “Il Circolo Veneto”.

Il difficile rapporto tra magistratura e politica è stato oggetto di approfondimento nell’incontro dello scorso venerdì 1 aprile, al Circolo Veneto: ospite e relatore il sottosegretario all’Interno sen. Nitto Francesco Palma, ex magistrato. Partendo dall’attualità, il sottosegretario ha rilevato la confusione che viene continuamente alimentata dai media e da una certa parte politica riguardo ai procedimenti in corso sul caso Ruby, mentre in realtà la legge prescrive chiaramente i passi che devono essere compiuti e chi sia competente del caso (tribunale dei Ministri). L’esempio del caso Ruby è servito a richiamare il principio fondamentale (risalente a Montesquieu) della divisione dei poteri dello Stato, che l’attualità italiana testimonia essere continuamente disatteso: esso implica la non-aggressione di un potere verso l’altro, ma sono evidenti – ha detto Palma – le forti pressioni mosse dal potere giudiziario verso quello legislativo e soprattutto verso il potere esecutivo.