spinner

Il Circolo Veneto

Chiamaci ora +39 366 5485532

Riforme Costituzionali: Titolo V e Senato della Repubblica al Circolo Veneto

Dopo l’incontro di sabato 18 gennaio, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha detto di aver trovato una “profonda sintonia” con Silvio Berlusconi su tre proposte: legge elettorale, riforma del Senato e riforma del Titolo V della Costituzione.

Di legge Elettorale si è già parlato recentemente nella serata con i Senatori Mario Dalla Tor e Pierantonio Zanettin. Nell’incontro di venerdì verranno messi a temi gli altri due argomenti all’ordine del giorno della  Politica Italiana.

Il Titolo V è quella parte della Costituzione italiana in cui vengono “disegnate” le autonomie locali: comuni, province e regioni. L’attuale struttura delle regioni deriva da una serie di riforme del Titolo V cominciate negli anni Settanta e terminata con la riforma del 2001 (approvata con una maggioranza di centrosinistra e poi confermata da un referendum). Lo scopo di tutte queste riforme, compresa quella del 2001, era dare allo Stato italiano una fisionomia più “federalista”, nella quale i centri di spesa e di decisione si sarebbero spostati dai livelli più alti, lo Stato centrale, a quelli più locali, “avvicinandosi” così ai cittadini. Della necessità di riformare il Titolo V della Costituzione si parla oramai da diversi anni. Nel 2010, per esempio, il sociologo Luca Ricolfi scriveva: «L’aumento delle competenze degli Enti territoriali – Regioni, Province, Comuni – non si è accompagnato a un parallelo aumento della loro autonomia fiscale, sicché ogni Ente si è trovato a poter incrementare le spese senza dover pagare alcun prezzo politico in termini di inasprimento delle tasse locali».

Per quello che riguarda il Senato si va verso una Riforma radicale: centosessanta senatori, la metà rispetto ad oggi, che eserciteranno il ruolo a titolo gratuito: compresi gli attuali beneficiari del laticlavio a vita, che perderanno l’indennità e saranno affiancati da altri titolati della società civile, nominati per una legislatura. L’ossatura del nuovo Senato, quello che uscirà dalla riforma costituzionale messa a punto del governo, sarà questa, anche se il Premier Renzi sta valutando diverse opzioni per la definitiva messa a punto del progetto di legge.

A relazionarci su questi temi importanti tre relatori d’eccezione. Innanzitutto il prof. Mario Bertolissi, docente ordinario di Diritto Costituzionale all’Università degli Studi di Padova, e due senatori del nostro territorio: il coordinatore regionale di Forza Italia  Sen. Marco Marin, ed il Sen. Paolo Giaretta.

Dei relatori d’eccezione per temi più attuali che mai. Appuntamento venerdì 28 Marzo 2014 alle 20.00 come di consueto al Novotel di Mestre.