spinner

Il Circolo Veneto

Chiamaci ora +39 366 5485532

Incontro SFP del 15 aprile 2016: “L’autonomia del Veneto: soluzione necessaria o superflua? Pareri a confronto sul referendum”

01Tutti d’accordo sul referendum per l’autonomia regionale. Anche se di partiti diversi, l’idea di far pronunciare i veneti sulla possibilità di avere dallo Stato più poteri e maggiori risorse, viene sposata in maniera bipartisan. E’ quanto scaturito dall’incontro promosso l’altra sera al Novotel di via Ceccherini dal Circolo Veneto di Cesare Campa, a cui hanno preso parte il vicepresidente del Consiglio regionale Massimo Giorgetti (Fi), l’assessore al Turismo Federico Caner (Lega), la componente della Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale Simonetta Rubinato (Partito democratico) e il consigliere regionale Jacopo Berti (Movimento 5 stelle). Nel dibattito moderato dal giornalista del Gazzettino Alberto Francesconi, pur con le diverse sfumature dovute alle singole appartenenze, tutti si sono detti favorevoli a sostenere la vittoria del “si” per avviare una trattativa con lo Stato secondo la procedura prevista dall’art. 116 della Costituzione. “Vogliamo trattenere sul territorio i nove decimi della ricchezza che produciamo”, ha detto Caner, mentre per Giorgetti “siamo a un momento di svolta decisivo: è un po’ come quando si decise tra Monarchia e Repubblica”. Se Rubinato ha sottolineato che “Autonomia significa maggior responsabilità, spero in un fronte trasversale e in una grande partecipazione popolare”, Berti ha spiegato che “lo strumento di democrazia diretta aiuterà ad avvicinare le Istituzioni ai cittadini”. Tutti concordi anche sul fatto che in autunno dovrà tenersi un “election day” per far votare i cittadini in contemporanea sul referendum consultivo veneto per l’autonomia e su quello nazionale per la riforma costituzionale di recente approvazione.

Tratto dal Gazzettino.