spinner

Il Circolo Veneto

Chiamaci ora +39 366 5485532

Riparte la Scuola di formazione: il 29 settembre si parla del referendum per l’autonomia regionale

Manca circa un mese al referendum sull’autonomia del Veneto.

Il 22 ottobre saremo chiamati a dire se vogliamo che la nostra Regione apra una trattativa con lo Stato per avere più competenze e, insieme, più risorse da trattenere sul territorio.

Di per sé, è una domanda retorica: il punto non sarà  la vittoria (scontata) del SI barrato sulla scheda elettorale, quanto piuttosto il numero dei partecipanti alle urne.

Il governatore Luca Zaia, che sull’iniziativa si gioca indiscutibilmente buona parte della sua carriera politica, sottolinea che più saranno i veneti a votare favorevolmente e più Roma dovrà  essere disponibile a concedere quell’autonomia che il territorio invoca da decenni.

Ma c’è davvero consapevolezza su quel che saremo chiamati a votare e sugli scenari che dal giorno successivo al risultato si apriranno?

Si parla di “federalismo a geometria variabile”: cosa significa concretamente per la vita di tutti i giorni dei cittadini?

Cosa per loro potrebbe cambiare in meglio?

Per rispondere a queste e ad altre domande, daranno il loro contributo i relatori della prima conferenza del nuovo anno della Scuola di Formazione Politica: Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto; Mario Bertolissi, giurista e docente universitario di Diritto costituzionale; e Carlo Alberto Tesserin, primo Procuratore di San Marco, moderati dal giornalista Tiziano Graziottin, capo dell’edizione di Venezia e Mestre de Il Gazzettino.

L’appuntamento è per venerdì 29 settembre alle ore 20 al Novotel di via Ceccherini 21, a Mestre (uscita “Castellana” della tangenziale)