spinner

Il Circolo Veneto

Chiamaci ora +39 366 5485532

Una battaglia di tutti

“Dopo il referendum nulla sarà più come prima: se perdiamo dovremo smettere di lamentarci e il tema dell’autonomia passerà in secondo piano, ma se vinciamo lo Stato non potrà non tenere conto del voto”. Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale, invita i veneti ad andare a votare in tanti “sì” al referendum per l’autonomia in programma il 22 ottobre. Se n’è parlato nel primo incontro del nuovo anno della Scuola di formazione, il 29 settembre, moderato al Novotel di via Ceccherini dal capo dell’edizione di Venezia e Mestre del Gazzettino Tiziano Graziottin. “Sono dieci anni che chiediamo in tutti i modi competenze e risorse, ma lo Stato non si è mai degnato neanche di rispondere”, ha detto Carlo Alberto Tesserin, già consigliere regionale e tra i padri nobili dello Statuto della Regione. Il costituzionalista Giuseppe Bergonzini, docente all’Università di Padova, ha sottolineato: “Il voto è consultivo ma fondamentale per dare un segnale politico forte che permetta alla Regione Veneto di aprire una trattativa con lo Stato”.