Sito in aggiornamento

Venerdì 20 ottobre alla Scuola di formazione si parla di agricoltura e agroalimentare

La filiera dell’alimentazione : made in Venice, made in Italy o ……?

Che “peso”, economico e sociale, ha l’agricoltura e l’agroalimentare nel Veneto di oggi?

A questa domanda proveranno a rispondere i protagonisti del settore

primario regionale, nel prossimo incontro della Scuola di formazione, in

programma venerdì 20 ottobre alle 20 al Novotel di via Ceccherini a Mestre

(rotonda Castellana della tangenziale).

L’attenzione sarà focalizzata, in particolare, sul fil rouge che da sempre

accompagna l’attività agricola in Veneto: dalla società rurale di una

volta, che nelle famiglie patriarcali ha avuto il suo cardine essenziale,

alle sfide di questo tempo in cui il settore primario è, ed intende restare,

una componente essenziale per l’economia del Veneto.

Di qui, le richieste alle Autorità preposte di mettere in campo le

politiche ed i provvedimenti necessari per garantire non solo la tutela, ma

anche la crescita del settore che tanto ha dato e può dare in termini di

occupazione, produttività e ricchezza.

Ma anche l’impegno delle Associazioni di categoria e dei protagonisti

diretti interessati a promuovere e sostenere la formazione, la trasmissione

dei saperi, delle competenze e delle esperienze ai giovani che, oggi,

vogliano intraprendere un mestiere bellissimo, a stretto contatto con

“Madre Terra”, assicurando la continuità nel collegamento tra passato e

futuro.

Di tutto questo e di altro ancora, discuteranno:

– Iacopo Giraldo, presidente di Coldiretti

– Massimo Malocco, Agroalimentare Confindustria Venezia

– Marco Aurelio Pasti, Confagrigoltura Venezia

– Paolo Quaggio, Confederazione Italiana Agricoltori Venezia

– Mario Dalla Tor, senatore della Repubblica

Introduce il presidente del Circolo Veneto, Cesare Campa, coordina il

dibattitto Fabrizio Stelluto, giornalista e Presidente A.R.G.A.V