spinner

Il Circolo Veneto

Chiamaci ora +39 366 5485532

Cari amici, si è concluso un altro anno di lavoro intenso per il Circolo Veneto e per la nostra Scuola di formazione all’impegno sociale e politico. Un anno, ovviamente, segnato dalla lunga campagna elettorale che ha portato alle elezioni politiche, seguite, com’è noto, dal lungo stallo prima della costituzione del nuovo governo. Un anno in cui abbiamo provato – se ci siamo riusciti lo potrà dire ciascuno di Voi – ad offrire alcune chiavi di lettura e alcune riflessioni sulla realtà locale e, allo stesso tempo, sulla nostra dimensione nazionale: fedeli, come sempre, all’intento di creare consapevolezza rispetto all’attualità e ai dibattiti che

La ripresa c’è, ma non è ancora così forte per cantare vittoria sul superamento della crisi. Ne hanno dibattuto, nell’incontro della Scuola di formazione dello scorso 15 dicembre, il responsabile dell’Ufficio Studi della CGIA Paolo Zabeo e il segretario della Camera di commercio di Venezia-Rovigo Delta Lagunare (divenuto nel frattempo segretario generale di Unioncamere del Veneto), Roberto Crosta. Le previsioni di crescita sono attorno al punto percentuale che significa che per tornare ai livelli pre-crisi di dieci anni fa bisognerà attendere ancora un triennio. “Il peggio è alle nostre spalle, ma ci vorrà ancora qualche anno per tornare come prima,

“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro” (art. 1). “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (art. 4). “Il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla sua famiglia un’esistenza libera e dignitosa” (art. 36). Sono, questi, i capisaldi in tema di lavoro

“Imprese: strategie e scenari competitivi”. A questo tema è stato dedicato l’incontro della Scuola di formazione del 17 novembre scorso, con la partecipazione del sociologo e docente universitario Daniele Marini e dell’europarlamentare di Forza Italia Elisabetta Gardini. “Stiamo attraversando una fase storica di grande cambiamento del modo in ci sviluppiamo, un po’ come quando dalla società agricola siamo passati a quella industriale – ha detto il professore – Di fronte a questo, si impone la necessità di rivedere il sistema economico e sociale dello sviluppo perché, altrimenti, rischiamo di restare al palo”. Marini ha sottolineato che “oggi viviamo tutti in

Pur a fatica, pur lentamente, ma il treno dell'economia sembra che cominci a ripartire. Dopo la crisi, il Veneto guarda con fiducia al futuro e dal suo consueto "tirarsi su le maniche" è pronto ad accogliere le sfide che troverà  lungo la sua strada, per garantire il proprio contributo alla crescita, allo sviluppo, al benessere delle persone. "Imprese. Strategie e nuovi scenari competitività", è il tema del prossimo incontro della Scuola di formazione politica, in programma per venerdì 17 novembre, alle 20, al Novotel di via Ceccherini a Mestre (uscita Castellana della tangenziale). Un'occasione per un'analisi a tutto tondo dello stato di salute

La filiera dell’alimentazione : made in Venice, made in Italy o ……? Che “peso”, economico e sociale, ha l’agricoltura e l’agroalimentare nel Veneto di oggi? A questa domanda proveranno a rispondere i protagonisti del settore primario regionale, nel prossimo incontro della Scuola di formazione, in programma venerdì 20 ottobre alle 20 al Novotel di via Ceccherini a Mestre (rotonda Castellana della tangenziale). L’attenzione sarà focalizzata, in particolare, sul fil rouge che da sempre accompagna l’attività agricola in Veneto: dalla società rurale di una volta, che nelle famiglie patriarcali ha avuto il suo cardine essenziale, alle sfide di questo tempo in cui il settore

"Dopo il referendum nulla sarà più come prima: se perdiamo dovremo smettere di lamentarci e il tema dell'autonomia passerà in secondo piano, ma se vinciamo lo Stato non potrà non tenere conto del voto". Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale, invita i veneti ad andare a votare in tanti "sì" al referendum per l'autonomia in programma il 22 ottobre. Se n'è parlato nel primo incontro del nuovo anno della Scuola di formazione, il 29 settembre, moderato al Novotel di via Ceccherini dal capo dell'edizione di Venezia e Mestre del Gazzettino Tiziano Graziottin. "Sono dieci anni che chiediamo in tutti i

Manca circa un mese al referendum sull'autonomia del Veneto. Il 22 ottobre saremo chiamati a dire se vogliamo che la nostra Regione apra una trattativa con lo Stato per avere più competenze e, insieme, più risorse da trattenere sul territorio. Di per sé, è una domanda retorica: il punto non sarà  la vittoria (scontata) del SI barrato sulla scheda elettorale, quanto piuttosto il numero dei partecipanti alle urne. Il governatore Luca Zaia, che sull'iniziativa si gioca indiscutibilmente buona parte della sua carriera politica, sottolinea che più saranno i veneti a votare favorevolmente e più Roma dovrà  essere disponibile a concedere quell'autonomia che il