Sito in aggiornamento

Una folta platea di un centinaio di persone, martedì 28 marzo ha partecipato a Marcon alla presentazione del libro "Io e Oriana" di Magdi Cristiano Allam, alla presenza dell'autore. Dopo i saluti del presidente Cesare Campa, lo scrittore e giornalista ha illustrato il suo lavoro (Mca Comunicazioni, 219 pagg., 10 euro) dedicato al rapporto professionale e ideale con Oriana Fallaci, rispondendo poi alle domande del pubblico. L'appuntamento rientra nel road show promosso dal Circolo Veneto in queste settimane in tutta la provincia veneziana e si è svolto nella sala della Biblioteca comunale di piazza IV novembre.

Sabato 25 marzo una trentina di persone ha rinnovato in una bella e calda giornata di sole l’esperienza de “Le uscite del sabato”. Stavolta la meta è stata Venezia, con la visita prima alla chiesa di San Zaccaria, poi alla basilica di San Marco. La comitiva, guidata da mons. Antonio Meneguolo, ha potuto ammirare lo splendore della cattedrale, cuore della civiltà veneziana per eccellenza, dai mosaici bizantini, ai marmi e rivestimenti, fino ai tantissimi tesori di pittura e scultura lì custoditi. La giornata si è conclusa con il consueto momento conviviale e l’arrivederci al prossimo appuntamento.

Com’è cambiato il Veneto sul piano politico, demografico, sociale ed economico? A questo interrogativo hanno risposto due dei più autorevoli interpreti della realtà regionale: Vittorio Filippi, sociologo editorialista del Corriere del Veneto; Francesco Jori, giornalista editorialista del gruppo Finegil. “Un tempo c’era la società delle tre “c”: campanile, comunità, capannone – ha detto Filippi – Erano, quelli, gli anni in cui c’era l’obiettivo delle tre “m”: mestiere, matrimonio, moto (meglio ancora macchina). Oggi lo scenario è diverso. Le tre “c” sono cambiate perché ora si sono imposte la crisi economica, crisi demografica, la crisi sociale e culturale, partendo dal senso

"Il Veneto ieri, oggi e domani". E' questo il titolo del prossimo incontro della Scuola di formazione, in programma venerdì 17 marzo, alle ore 20, al Novotel di via Ceccherini (uscita Castellana della tangenziale) a Mestre. A discutere di com'è evoluta e sta cambiando la regione sotto il profilo politico, economico e sociale, interverranno Francesco Jori, giornalista editorialista del gruppo Finegil, e Vittorio Filippi, sociologo editorialista del Corriere del Veneto. Introduce il presidente Cesare Campa, modera Bruno Bernardi, docente di Ca' Foscari.

Riutilizzare il territorio, recuperando e riqualificando l’edilizia esistente, è un obbligo ma anche un’opportunità, di fronte al degrado che caratterizza certe periferie, e non solo, e ai fenomeni climatici (ad es. le alluvioni) sempre più frequenti. Se n’è discusso nell’incontro del 17 febbraio scorso della Scuola di formazione, con Stefano Munarin, docente di Urbanistica allo IUAV; Mario Dalla Tor, senatore relatore del disegno di legge 2383 sul contenimento del consumo e riuso del suolo edificato, e Massimiliano De Martin, assessore comunale all’Urbanistica. Nell’introdurre gli interventi, il presidente Cesare Campa ha posto in premessa che “il contenimento del territorio e la

"La gestione del territorio tra passato e nuove sfide". E' questo il titolo del prossimo incontro della Scuola di formazione, in programma venerdì 17 febbraio alle 20, al Novotel di via Ceccherini (uscita Castellana della tangenziale). A discuterne saranno: Stefano Munarin, docente di Urbanistica allo IUAV di Venezia; Massimiliano De Martin, assessore comunale all'Urbanistica, Edilizia e Ambiente; Mario Dalla Tor, senatore e relatore del disegno di legge su "Contenimento del consumo e riuso del suo edificato". Modera Bruno Bernardi, docente di Ca' Foscari.

Grande successo di pubblico per la presentazione del libro "Io e Oriana" del giornalista e scrittore Madgi Cristiano Allam. Il Circolo Veneto ha organizzato quattro incontri in successione con l'autore, rispettivamente a Mestre, Venezia, Chioggia e Campolongo Maggiore. Soprattutto il primo appuntamento ha visto gremirsi in ogni ordine di posto la sala del centro culturale "Le Grazie", ma anche gli altri tre hanno poi ottenuto un ottimo riscontro. Con questo suo lavoro (ed. MCA Comunicazione, 219 pagg., 12 €), Allam ha voluto omaggiare la figura di Oriana Fallaci a quasi 11 anni dalla sua scomparsa, rilanciandone le letture e le

Quella delle migrazioni è una sfida epocale. Un processo strutturale di fronte al quale l'Europa è chiamata ad accelerare il processo di unificazione politica oltre che economica. Ne hanno discusso venerdì 20 gennaio, Arcangelo Boldrin, presidente di Fondaco Europa, ed Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia all'Europarlamento, nel corso della conferenza intitolata "Mediterraneo mare monstrum? Come guerre, terrorismo e migrazioni stanno destabilizzando l'Unione europea". Boldrin, dopo aver offerto una fotografia perfetta ed esaustiva della situazione internazionale, degli equilibri precari esistenti e dei rapporti tra Stati, ha spiegato: “Rischiamo di trovarci esposti ad ondate migratorie, ad attacchi terroristici, a ricoprire un

“Mediterraneo mare monstrum? Come guerre, terrorismo e migrazioni stanno destabilizzando l’Unione europea”. E' questo il titolo del prossimo incontro della Scuola di formazione, in programma venerdì 20 gennaio, alle ore 20, al Novotel di via Ceccherini (uscita Castellana della tangenziale) a Mestre. A discutere di politica estera e dei nuovi scenari internazionali che si stanno delineando, interverranno Arcangelo Boldrin, presidente di Fondaco Europa, ed Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia all'Europarlamento. Modera Bruno Bernardi, docente di Ca' Foscari.