Sito in aggiornamento

Si conclude stasera un altro anno di attività de Il Circolo Veneto. Un anno intenso, denso di iniziative, che ci ha visti impegnati su vari fronti per un lavoro che ci auguriamo possa essere stato apprezzato e proficuo. Stasera, in questa Assemblea generale dei soci, accogliamo alla presenza del notaio l’importante novità della trasformazione in Aps – Associazione di promozione sociale – che comporta alcune modifiche statutarie e ci permette di poter accedere al 5 per mille nella dichiarazione dei redditi. Dare linfa alla cassa, d’altronde, diventa fondamentale per poter continuare a promuovere le nostre iniziative e se possibile a incrementarle ancora di più, in ossequio a quello che è il nostro obiettivo

Venerdì 9 giugno, dalle ore 20 al Novotel (uscita Castellana della tangenziale) è in programma l'Assemblea generale dei soci de Il Circolo veneto. Dopo il riconoscimento come Associazione di promozione sociale - che rende possibile anche la destinazione del 5 per mille nella dichiarazione dei redditi - è necessario provvedere ad alcune modifiche statutarie che saranno effettuate alla presenza del notaio. Ci sarà, poi, la cerimonia di consegna dei diplomi agli iscritti alla Scuola di formazione che quest'anno abbiano partecipato ad almeno l'80 per cento degli incontri in calendario. Seguirà, infine, il tradizionale momento conviviale con le torte preparate dalle

“Il referendum del 22 ottobre prossimo dovrà essere un plebiscito, per mandare a Roma un segnale politico forte sulla richiesta di autonomia da parte del Veneto e per aprire la trattativa che dovrà portarci ad ottenere le competenze previste dal cosiddetto federalismo a geometria variabile previsto dall’art. 116 della Costituzione”. E’ il messaggio che Fabiano Barbisan, consigliere regionale della Lista Zaia, e Carlo Alberto Tesserin, oggi primo procuratore di San Marco ma a lungo anch’egli consigliere regionale e nel 2012 padre dello Statuto del Veneto, hanno condiviso nel corso dell’incontro del 19 maggio della Scuola di formazione sul tema “Quale

Un tempo era considerato "il Sud del Nord", poi è diventato " la locomotiva d'Italia", grazie allo spirito d'impresa e alla laboriosità della sua gente ma anche ad alcuni valori fondanti molto radicati, dalla fede alla famiglia. In concomitanza con la sua crescita economica e sociale, il Veneto ha via via sviluppato una crescente richiesta di autonomia, diventando capofila di quell'anelito federalista che con l'arrivo della Seconda Repubblica ha trovato voce soprattutto nella Lega nord. D'altra parte, la pesante incidenza delle tasse e di trasferimenti dello Stato inferiori alle risorse prodotte sul territorio è una situazione sotto gli occhi di tutti. Così come è oggettiva la disparità con le Regioni

Domenica 14 maggio si tiene a Mestre "Acquerelli in libertà", una delle iniziative del "Premio Mestre di Pittura 2017" promosso dal Circolo Veneto. Tutti gli artisti che volessero partecipare, portandosi il necessario per comporre l'opera in extempore, sono invitati alle ore 9 alla Provvederia di via Palazzo per l'iscrizione. Al termine della giornata, alle 18 in Municipio si terrà la cerimonia di premiazione con la presidente del Consiglio comunale Ermelinda Damiano e l'assessore Renato Boraso. La manifestazione è promossa anche per ricordare il trentesimo anniversario della fontana di via Piave, con le sculture del maestro Gianni Aricò, che era stata